Apre nel milanese un supermercato dove chi è “indigente” non paga la spesa Precisamente a Cernusco sul Naviglio

 

Il progetto si chiama Bottega della Solidarietà e vuole essere una risposta reale, verso coloro che hanno bisogno di aiuto non solo  a causa della  crisi economica, e che ricorrono alle associazioni, sotto forma di generi alimentari.

Sono triplicate le richieste d’aiuto da parte delle famiglie durante il primo lockdown passando da 40 famiglie  a 130 nuclei famigliari.

Con la Bottega Solidale, si è pensato di superare il classico sistema di “Pacco di vivere” favorendo la libera scelta dei generi alimentari da parte delle famiglie indigenti, che potranno andare presso il piccolo supermercato solidale, e attraverso una tessera punti, fare la spesa gratuitamente prediligendo i prodotti di cui hanno realmente bisogno.

Al supermercato si potrà accedere con una tessera rilasciata dalla Caritas che permetterà di fare la propria spesa e pagarla in punti, assegnati in base alla composizione del nucleo famigliare e alle condizioni economiche.

Questo progetto, oltre che a dare aiuto alle famiglie vuole anche incentivare la comunità, dai privati ai negozi alle aziende, a sottrarre il più possibile lo spreco alimentare andando a recuperare le eccedenze alimentari e a condividere i propri beni con chi è in difficoltà.

Alessandra Trotta - giornalista e scrittrice