Il dolore dell’anima è più insopportabile di quello del corpo e ha una forza devastante che travolge ogni cosa.

Da queste pagine trapelano la solitudine, l’angoscia, il male di vivere che si trasformano in una violenza inaudita, nelle mani di un serial killer che uccide le proprie vittime per poi smembrare brutalmente i loro corpi.

Uomini che non accettano di essere lasciati dalle loro donne, come oggi la cronaca ci racconta, e che spogliati di ogni sentimento sono incapaci di amare. Incubi che diventano realtà e che lacerano il confine tra ciò che è frutto della nostra fantasia e la realtà.

Queste storie ci strappano l’anima, facendoci sentire tutto il freddo della notte più buia, quella in cui anche la luna è nascosta dalle nuvole e il buio avvolge compattamente ogni singola cosa, come un cellophane che si attacca sulle superfici e soffoca ogni respiro, avvolgendo il nostro cuore che, imprigionato, non riesce più a battere…